Contenuto Principale

Sognare in Salento

Sognare in Salento nasce dalla volontà di promuovere il salento e di f...

  • Sognare in Salento

Errore
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
Domenica 19 Gennaio 2014 09:25

San Sebastiano

Scritto da  Francky
Valuta questo articolo
(1 Vota)

Sebastiano nasce intorno al 256 d.c a Milano, da una famiglia cristiana, che lo educa  all'esercizio del perdono e della carità, in piena confomità ai principi evangelici. Il nostro Santo intraprende molto presto la carriera militare, distinguendosi per  coraggio e senso di lealtà verso le istituzioni civili imperiali, tanto da essere trasferito a Roma, con la nomina di comandante della prima coorte della prima legione, a servizio dell'Imperatore Diocleziano.

Sebastiano, nonostante vivesse in un ambiente pagano,dove le abitudine e i riti dei Gentili erano la norma,non dimenticò mai la sua fede verso Cristo e la sua Parola, prodigandosi, senza sosta, nell'aiutare i cristiani perseguitati da Diocleziano.

Egli si distinse tanto, nell'esercizio della carità, da attirare le attenzioni dell'Imperatore, che venne così a conoscenza della sua fede verso il Dio dei cristiani; immediatamente Diocleziano ordinò a Sebastiano di rinnegare la sua fede ed aderire al culto pagano, ma il Santo non si fece intimidire e giurò fedeltà eterna a Gesù Cristo, in quanto solo nella sua Parola vi è la verità e la via che conduce  alla vita eterna.

Diocleziano sentendosi tradito, ordinò la condanna a morte dell'ufficiale romano, il quale, legato ad un palo, fu trafitto da numerose freccie; in seguito il suo corpo martoriato fu seppellito nelle catacombe che oggi vengono appunto dette "di San Sebastiano". La sua festa liturgica ricorre il 20 di Gennaio e , nella nostra città bella, la devozione verso questo Santo è stata da sempre molto sentita, tanto da essere consacrato, nei secoli scorsi, patrono della città e protettore in particolar modo del Comune e degli uffici pubblici, insieme alla vergine catanese Agata. Molto suggestiva, da vedere assolutamente, è la processione organizzata nella vigilia della sua festa, dove il Santo, protettore della polizia municipale, viene portato in processione per le vie della città vecchia, accompagnato da tutti i sodalizi confraternali della città. Da notare che la statua di San Sebastiano,un busto in argento con profili in oro,viene portato in processione accompagnato dalla statua,anch'essa in argento,di Sant'Agata ed è un emozione unica vedere le statue ,dei due santi patroni della città, per i meandri della città vecchia, tra preghiere e intenso raccoglimento da parte dei fedeli. Il giorno della festività, infine, vi è  in cattedrale il solenne pontificale celebrato dal Vescovo della nostra diocesi, dove al termine del quale, al canto del Te Deum, il Santo viene portato in spalla, lungo le due navate della Chiesa, da quattro vigili urbani, rispettando e perpetuando così un'antica tradizione.

a cura di Cosimo Spinola

0102

03

Giovedì 19 Gennaio - Basilica Concattedrale S. Agata

Ore 18:00 - Canto dei Primi Vespri;

Ore 18:30 - Celebrazione Eucaristica presieduta dal presidente del capitolo don Pippi Leopizzi.

Ore 19:30 - Dalla cattedrale di sant'Agata solenne processione per le vie del centro storico con i Simulacri dei Santi Protettori, Sebastiano ed Agata

Venerdì 20 Gennaio - Basilica Concattedrale S. Agata

Ore 18:00 - Canto dei Secondi Vespri;

Ore 18:30 - Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo.

Ultima modifica Mercoledì 11 Gennaio 2017 11:54
Altro in questa categoria: « Sant'Antonio Abate Candelora »