Contenuto Principale

Sognare in Salento

Sognare in Salento nasce dalla volontà di promuovere il salento e di f...

  • Sognare in Salento

Errore
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items

Eventi (154)

Nella sezione Eventi potrete approfondire i programmi degli eventi nel Salento.
Eventi Artistici, Eventi Religiosi, Antiquariato e Collezionismo, Mostre, Cultura e Spettacolo, Eventi Folkloristici, Eventi Sportivi, Sfilate e Moda, Fiere, Congressi, Altre Manifestazioni, Raduni, Sagre, Cortei Storici.

Venerdì 20 Dicembre 2013 16:10

Spiritual Performance

Scritto da Francky
sefossedavveronatale

Domenica 29 dicembre 2013 - ore 20:00
Basilica Concattedrale di Sant'Agata, Gallipoli
Spiritual Performance per riflettere sul significato del Natale a cura del Movimento Giovanile delle Confraternite e Associazioni di Gallipoli.

"E’ Natale ogni volta
che sorridi a un fratello
e gli tendi la mano.
E’ Natale ogni volta
che rimani in silenzio
per ascoltare l’altro.
E’ Natale ogni volta
che non accetti quei principi
che relegano gli oppressi
ai margini della società.
E’ Natale ogni volta
che speri con quelli che disperano
nella povertà fisica e spirituale.
E’ Natale ogni volta
che riconosci con umiltà
i tuoi limiti e la tua debolezza.
E’ Natale ogni volta
che permetti al Signore
di rinascere per donarlo agli altri."

Madre Teresa di Calcutta

Venerdì 20 Dicembre 2013 16:09

Fiamme di stelle 2013

Scritto da Francky
fiamme di stelle

GALLIPOLI - *** FIAMME DI STELLE 2013 *** 

-Le notti del °°PUPO°° di fine anno -

Si rinnova l'appuntamento con la musica l'arte e la tradizione. Nella ormai consueta location del Lungomare Galileo Galilei l'Ass. Ampalea dei Leoni esporrà , dalla mattinata del 30 dicembre , la sua maestosa realizzazione. Inoltre, come sempre siamo lieti di invitarvi e festeggiare insieme l'arrivo del nuovo anno.

Programma:
30 Dicembre : Gli originali suoni dei Tammurria Pizzica E Tarante
31 Dicembre : Il fuoco divampa al ritmo dei Folkabbestia

Il PUPO è un fantoccio realizzato interamente in cartapesta, con un'altezza che va dai 7 ai 10 mt, che allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre prende fuoco per festeggiare l'inizio del nuovo anno.

info:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Venerdì 20 Dicembre 2013 16:08

Mezzanotte di fuoco

Scritto da Francky

fideliter

Martedì 31 - ore 23:00

Ci sono tradizioni che diventano patrimonio storico e culturale di un paese, e solo di quel paese. Una di queste, a Gallipoli, è sicuramente il tradizionale sparo del “Pupo” allo scoccare della mezzanotte del 31 Dicembre di ogni anno. Questo altri non è che un fantoccio, riempito di petardi, che viene incendiato per segnare la fine dell’anno vecchio. Di questi “pupi”, lavorati con la cartapesta e dipinti con maestria, di diversa fattura e grandezza, se ne vedono a decine, sparsi in ogni angolo della città. Anche noi parteciperemo, come lo scorso anno a questo evento, restando fedeli alla tradizione intrapresa dai ragazzi del Piazzale in cui vi si trova la stazione. Sarà una nottata semplice ma allo stesso tempo ricca di sorprese che ovviamente non possiamo svelare. Non ci resta che invitarvi, numerosi come lo scorso anno, a concludere con noi questo 2013. Vi aspettiamo!

Venerdì 20 Dicembre 2013 16:03

L'alba del Nuovo Anno

Scritto da Francky

signoridelfuoco

L'ASSOCIAZIONE OFF LIMITS, I SIGNORI DEL FUOCO, COMUNE DI GALLIPOLI, ASSESSORATO AL TURISMO in collaborazione con l' ASSOCIAZIONE presentano un'evento del tutto innovativo e straordinario per accogliere il nuovo anno all'insegna della TRADIZIONE e del DIVERTIMENTO . 

Luogo dell'evento: PIAZZA ALDO MORO -GALLIPOLI-

PROGRAMMA 

  • 30-31 DICEMBRE h 10:00 - 20.00 AREA GIOCHI GRATUITA PER BAMBINI e per i grandi il TOROMECCANICO e il CALCIO BALILLA UMANO. Durante le giornate saranno presenti le MASCOTTE DISNEY con spettacoli di animazione.
  • 31 DICEMBRE h 24 SPARO DEL TRADIZIONALE PUPO per la prima volta NELLE ACQUE ANTISTANTI L'ANTICO CASTELLO.

DOPO LO SPARO CONCERTO DEL GRUPPO -- •A SEGUIRE DIVERTIMENTO ASSICURATO CON LA MUSICA ITALIANA DEL GRUPPO -BALLA ITALIA.

Venerdì 20 Dicembre 2013 16:00

Museo Ferroviario della Puglia - Lecce

Scritto da Francky

Mercoledì 01 Gennaio 2014

Museo Ferroviario della Puglia - Lecce

Dopo tanti successi e numerosi consensi, è arrivato il momento di aderire ad una tra le associazioni più virtuose del Salento: l'AISAF Onlus.
AISAF Onuls, acronimo di Associazione Ionico Salentina Amici delle Ferrovie, non ha fini di lucro ed è attiva sul territorio grazie al Museo Ferroviario della Puglia, sito a Lecce, ed al Treno Storico Salento Express, con il quale diffonde la cultura ferroviaria nei borghi lontani dal capoluogo e offre una nuova forma di turismo a passo lento.

MUSEO FERROVIARIO DELLA PUGLIA

Ospitato nei locali delle vecchie officine delle Ferrovie dello Stato, collocati in via Giuseppe Codacci Pisanelli 3, è il secondo polo museale ferroviario del sud Italia, dopo quello nazionale di Pietrarsa (NA). All'interno due locomotive a vapore del 1911, la prima locomotiva elettrica delle FS, le "littorine" (automotrici diesel) delle FSE, anziane macchine da manovra, la carrozza per il trasporto dei detenuti, il treno dell'acqua, il Treno Storico Salento Express ed altre decine di rotabili; non solo veicoli ferroviari però; nel Museo Ferroviario della Puglia trovano spazio anche sale espositive che mostrano i lavori di manutenzione ai binari, i vari tipi di segnalamento, i vecchi banchi di comando della Stazione di Zollino (Le), un grande plastico (in fase di realizzazione) ritraente la stazione di Fasano (Br) e la gravina di Castellaneta (Ta), un angolo che documenta le ferrovie forestali americane e quelle nostrane (ormai non più esistenti) della Foresta Umbra sul Gargano.

E' possibile visionare parte del Museo grazie ai moderni mezzi di Google, al link sottostante

https://www.google.it/maps?layer=c&z=17&sll=40.343996%2C18.167068&cid=4203803649583106383&panoid=sb7wjDWvh7wAAAQJOR2FcQ&cbp=13%2C119.3808787798489%2C%2C0%2C0&q=museo+ferroviario+di+lecce&sa=X&ei=8xmvUrvyIOeGywO71YHwAw&ved=0CKUBEKAfMAo

TRENO STORICO SALENTO EXPRESS

Restaurato dall'AISAF Onlus nel 2010 è sui binari del Salento dal Marzo 2011. E' composto da una carrozza di seconda classe costruita da "Breda" nel 1947, officine che nello stesso anno hanno realizzato anche una vettura mista di 1^ e 2^ classe, unica a cui è stata applicata la livrea sperimentale anni '60 banco-verde; oltre a queste due, fa parte del Salento Express una carrozza mista costruita da "Carminati e Toselli" nel 1936, simile alle due precedenti, una vettura a due assi di prima e terza classe, realizzata dalla Piaggio nel 1925, la carrozza a terrazzini costruita dalle "Grondona e Comi" nel 1903 per le FS e il bagagliaio postale del 1940; il tutto è trainato da due locomotive diesel del 1959.
Esso è l'immersione di AISAF Onlus nel territorio salentino; con una capienza massima di 320 passeggeri, frequentemente vengono infatti realizzati viaggi speciali alla scoperta dei più vari e singolari aspetti dell'antica Terra d'Otranto.
Da Settembre è stato avviato il programma di viaggi "Rotolando in Terra d'Otranto" nel quale sono previste numerose escursioni grazie all'aiuto del GruppoArcheologico Di Terra d'Otranto e delle varie realtà presenti suoi luoghi oggetto di visita.

LA CAMPAGNA ASSOCIATIVA 2014

Se vuoi prendere parte alle attività di AISAF Onlus, questo è il momento giusto.
Puoi aderire a tutte le nostre iniziative, praticare modellismo, restaurare i rotabili, guidare i visitatori nel grande museo ferroviario, scoprire gli aspetti che fanno crescere l'associazione, viaggiare con il treno storico nel salento, scoprendo tanti aspetti del territorio che in pochi conoscono:
AISAF Onlus ha avviato questa campagna per dare a tutti la possibilità di entrare a far parte di questo progetto unico e senza precedenti in questa terra.

COME ADERIRE

Aderire è semplicissimo; venite al Museo Ferroviario della Puglia, sito a Lecce nei suoi giorni di apertura fissati in martedi, giovedi, sabato e domenica, dalle 9.30 alle 12.30 e compilate la domanda cartacea. Assieme ad essa, l'iscrizione prevede un contributo di € 30,00 valevole per l'intero anno 2014, quota compresa anche di specifica assicurazione. 
I soci di AISAF Onlus vi guideranno nella compilazione della domanda e saranno a disposizione per chiarire tutti i vostri dubbi; essi vi indicheranno poi, nei giorni a seguire, il percorso a voi utile per il vostro inserimento, in base alle facoltà da voi espresse per il vostro contributo interno all'associazione (esempio: modellismo, treno storico, restauro rotabili, ecc.)

Per chi volesse sostenere l'associazione ma è di fatto impossibilitato a prestare la sua opera per motivi di lontananza, di lavoro, ecc, è possibile aderire con la formula "Amico del Museo", versando un contributo minimo di € 20,00.
Con la tessera "Amico del Museo" è possibile accedere gratuitamente al Museo Ferroviario ma non viaggiare sul Treno Storico Salento Express tranne nel caso di affiancamento ai soci AISAF Onlus per l'assistenza a bordo dei viaggiatori.

ALTRE FORME DI VESRAMENTO DEL CONTRIBUTO ASSOCIATIVO

Versamento su Conto Corrente Postale

CC numero 17432733 indicando la causale "Adesione associazione" oppure "Adesione tessera amico del Museo"
L'attestazione di versamento va poi inviata via e-mail a  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. " data-mce-href="mailto: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , indicando:
- Nome e Cognome
- Indirizzo
- Recapito telefonico
- Indirizzo e-mail

Bonifico Bancario

Codice IBAN IT22F0760116000000017432733 indicando la causale "Adesione associazione" oppure "Adesione tessera amico del Museo"
L'attestazione di versamento va poi inviata via e-mail a  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. " data-mce-href="mailto: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , indicando:
- Nome e Cognome
- Indirizzo
- Recapito telefonico
- Indirizzo e-mail

INFORMAZIONI

Per informazioni potete telefonare al 335/6397167, inviare una e-mail all'indirizzo  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. " data-mce-href="mailto: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  oppure inviare un messaggio privato a questo profilo facebook

VI ASPETTIAMO NUMEROSI NELLA NOSTRA STUPENDA CASA CHE E' IL MUSEO FERROVIARIO DELLA PUGLIA DI LECCE

Venerdì 13 Dicembre 2013 09:25

Santa Lucia

Scritto da Francky

Sin dall’antichità si è diffusa in tutte le regioni una fervida devozione verso la giovane martire siracusana, attestata in numerose iscrizioni marmoree che testimoniano quanto già, sin dai primi secoli del cristianesimo, i primi cristiani tenessero in grande considerazione la testimonianza di Lucia e ne diffondessero il culto con grande fede. La tradizione cristiana, che da sempre si amalgama armoniosamente con la veridicità storica, narra di una giovane, orfana di padre, appartenente ad una ricca famiglia di Siracusa, che era stata promessa in sposa ad un pagano. La madre di Lucia, Eutichia, da anni ammalata, aveva speso ingenti somme per curarsi, ma nulla le era giovato. Fu così che Lucia ed Eutichia, unendosi ad un pellegrinaggio di siracusani al sepolcro di Agata, pregarono  Sant’ Agata affinché intercedesse per la guarigione della donna. Durante la preghiera Lucia si assopì e vide in sogno S. Agata che le diceva: Lucia, perché chiedi a me ciò che puoi ottenere tu per tua madre? Nella visione S. Agata le preannunciava anche il suo patronato sulla città di Siracusa. Ritornata a Siracusa e constatata la guarigione di Eutichia, Lucia comunicò alla madre la sua ferma decisione di consacrarsi a Cristo. Il pretendente, insospettito e preoccupato nel vedere la desiderata sposa vendere tutto il suo patrimonio per distribuirlo ai poveri, verificato il rifiuto di Lucia, la denunciò come cristiana. Lucia, a causa delle dure leggi persecutorie ancora in vigore emanate dall’imperatore Diocleziano, dovette subire un processo durante il quale la giovane Santa non rinnegò mai la sua fede, dimostrandosi anzi pronta a sacrificare anche la sua giovane vita per testimoniare il Vangelo, unica fonte di Verità e di salvezza eterna. Sottoposta ad ogni genere di torture ne uscì sempre illesa fino a quando venne decapitata. Privo di ogni fondamento, ed assente nelle molteplici narrazioni e tradizioni, almeno fino al secolo XV, è l'episodio di Lucia che si strappa gli occhi. L'emblema iconografico degli occhi sulla coppa, o sul piatto, è da ricollegarsi, semplicemente, con la devozione popolare che l'ha sempre invocata protettrice della vista a motivo del suo nome Lucia (da Lux, luce). Nella nostra Città Bella il culto verso la Santa  Siracusana è stato  da sempre curato dalla Confraternita di Santa  Maria del Monte Carmelo e della Misericordia che, con grande zelo e devozione,   ancora oggi  ne celebra la memoria liturgica. Nell’approssimarsi della sua festa infatti, che annualmente ricorre il 13 Dicembre, il Sodalizio celebra un triduo di preghiera in onore della Santa che si conclude il giorno della vigilia quando, dal piccolo oratorio dei calzolai, uscirà la processione con il simulacro della giovane Santa, accompagnato dal tradizionale suono della Pastorale gallipolina ; il giorno della sua memoria liturgica, poi, vi è la solenne celebrazione eucaristica che si conclude con il canto responsoriale finale del “ Si Sana cupis”, dedicato alla nostra Santa. Infine è doveroso ricordare come Santa Lucia, ormai da più di mezzo secolo, sia venerata anche nella Parrocchia di San Lazzaro, situata nella zona nuova di Gallipoli; la devozione al culto, in questa realtà parrocchiale, fu introdotta e tenacemente realizzata dal Parroco Don Cesario Aiello e prontamente proseguita dal nuovo parroco Don Santo Tricarico, chiamato alla guida di questa comunità parrocchiale dopo la morte del suo predecessore.

a cura di Cosimo Spinola.

Sabato 07 Dicembre 2013 13:23

Maria Immacolata

Scritto da Francky

Il Pontefice Pio IX l’8 dicembre 1854 con la Bolla Pontificia “Ineffabilis Deus” proclamava il dogma dell'Immacolata Concezione, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento, privilegio concesso dalla potenza divina a Maria,non per i suoi meriti, ma per i meriti di Gesù Cristo che doveva essere partorito da quel grembo benedetto da Dio. Tale dogma non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria, in quanto sono due questioni teologiche ben distinte, nonostante ci siano delle apparenti similitudini. Tale dogma, non espresso esplicitamente nella Sacra Scrittura, fu confermato dalla stessa Santa Vergine nel 1858 durante le sue apparizioni a Lourdes ; qui la nostra Madre Celeste, durante le apparizioni alla giovane Bernardette, contadina quattordicenne del luogo, affermò esplicitamente di essere “L’Immacolata Concezione”, dando così conferma decisiva al dogma che il Sommo Pontefice aveva solennemente dichiarato. Intensa è stata sempre la fede e la devozione, da parte dei credenti, verso Maria Immacolata e in Gallipoli questo dogma mariano è stato sempre particolarmente venerato. Nella città ionica, infatti, da sempre la Confraternita dell’Immacolata  cura e diffonde il culto verso la Vergine Immacolata, con una novena di preparazione alla memoria liturgica, che si conclude il giorno della vigilia della festività, quando ha luogo la processione con il simulacro di Maria Immacolata per le vie del centro storico  dove, durante il pellegrinaggio, le preghiere dei fedeli si intervallano con la dolce nenia della pastorale gallipolina, eseguita da alcuni musicanti; il giorno della festa liturgica, poi, che ricade l’8 Dicembre, vi è la solenne celebrazione liturgica conclusiva, che vede la partecipazione di numerosi fedeli. Come per altre ricorrenze liturgiche, anche per la festività di Maria Immacolata il popolo gallipolino è solito ricordare tale ricorrenza anche a tavola: infatti il giorno della vigilia, dopo il digiuno della mattinata, si è soliti a pranzo degustare una “puccia”, condita rigorosamente con tonno, alici e capperi, rispettando e perpetuando così antiche consuetudini marinare, mentre a cena viene generalmente riproposto il classico menù natalizio gallipolino, fatto di calde e croccanti “pittule”, rape stufate e un ottimo baccalà, preparato nei modi più svariati.

a cura di Cosimo Spinola.

Giovedì 05 Dicembre 2013 21:20

Stagione Teatrale 2014

Scritto da Francky
mortaccia
Prosa
Venerdì 31 Gennaio
Pigra Produzioni
presenta
MORTACCIA LA VITA E' MERAVIGLIOSA
con Veronica Pivetti
Testo e Regia: Giovanna Gra
con: Sergio Manicinelli, Oreste Valente,
Musiche di Maurizio Abeni
Costumi di Valter Azzini

aciascunoilsuo

Prosa
Venerdì 21 Febbraio
Produzioni Laros
presenta
A CIASCUNO IL SUO
con Sebastiano Somma, Daniela Poggi, Gaetano Aronica, Giacinto Ferro 
 Arredamento di Gaetano Armonica
Regia di Fabrizio Catalano
con: Alessio Caruso, Roberto Negri, Maurizio Nicolosi
Scena e Costumi di Antonia Petrocelli



electricity


Danza
Giovedì 27 Febbraio
eVolution Dance Theater
presenta
 ELECTRICITY
Fantasia e creatività in un'esplosione di energia allo stato puro
 Coreografie e Regia di Anthony Heini
Disegno Luci di Adriano Pisi




carosone

Musical
Mercoledì 19 Marzo
Prospect/Diana produzioni
presenta
CAROSONE L'AMERICANO DI NAPOLI
con Sal Da Vinci
 Regia di Fabrizio Bancale
con: Claudia Letizia, Giovanni Imparato, Lello Radice, Piero Botte, Forlenzo Massarone
Testi e Direzione di Federico Vacalebre



arbore

Concerto
Domenica 06 Aprile
Giado Managment
presenta
 RENZO ARBORE E L'ORCHESTRA ITALIANA





caniegatti

 Prosa
Martedì 08 Aprile
I due della Città del sole
presenta
 CANI E GATTI 
(Moglie e Marito) 
con Luigi De Filippo
di Eduardo Scarpetta
Regia di Luigi De Filippo
con: Sergio Mancinelli, Oreste Valente
Musiche di Maurizio Abeni
                              Costumi di Valter Azzini


radioamica

Varità
Giovedì 24 Aprile
Compagnia d'operetta "La Bella Epoque"
presenta
 RADIO AMICA 
La storia di un paese attraverso i suoi ricordi musicali
 con: Dianora Marangoni, Enrico Zagni, Barbara Favalli, Renato Bartolini, Vittorio Regina
Musiche al pianoforte: M° Giorgio Tazzari




Prosa e Musical
SETTORE
Serali
in Abbonamento
1° Settore
25,00 Euro
90,00 Euro
1° Settore ridotto
(over 60 e ragazzi sino a 14 anni)
20,00 Euro
70,00 Euro
2° Settore
20,00 Euro
70,00 Euro
2° Settore ridotto
(over 60 e ragazzi sino a 14 anni)
15,00 Euro
50,00 Euro
Studenti
(dalla fila 17 in poi)
10,00 Euro
30,00 Euro
Danza e Varietà
SETTORE
Serali
in Abbonamento facoltatico
1° Settore
20,00 Euro
15,00 Euro
2° Settore
15,00 Euro
10,00 Euro
Concerto Renzo Arbore
SETTORE
Serali
in Abbonamento facoltatico
1° Settore
55,00 Euro
50,00 Euro
2° Settore
40,00 Euro
35,00 Euro
3° Settore
30,00 Euro
Giovedì 28 Novembre 2013 17:52

Sant'Andrea

Scritto da Francky

Parrocchia della Basilica Concattedrale S. Agata V.M.

Ven.le Conf.ta S. Maria degli Angeli

- Gallipoli -

FESTIVITA' DI

S. ANDREA APOSTOLO

30 Novembre 2013

Sulle sponde del mare di Galilea il Signore vide due fratelli, Pietro e Andrea, e li chiamò:

"Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini"

(Mt 4,18-19)

Cattedrale S. Agata V. M.

29 Novembre ore 18:00: Santo Rosario

                                    Canto dei Vespri

                                    Celebrazione Eucaristica

Al termine, processione per le vie del Centro Storico accompagnata dalla tradizionale pastorale gallipolina.

30 Novembre ore 05:30: Tradizionale pastorale gallipolina per le vie del Centro Storico, con partenza dall'atrio del Palazzo Vescovile.

                      ore 07:15:   Celebrazione Eucaristica

                      ore 17:15:   Santo Rosario

                                        Canto dei Vespri

                                        Celebrazione Eucaristica                         


Andrea, fratello di Simon  Pietro e figlio di Giona,  nacque a Betsaida sulle rive del Lago omonimo nella regione della Galilea intorno al 6 AC. Assieme al fratello Pietro esercitava il mestiere di pescatore, fino a quando incontrato Gesù e affascinati dalla forza rivoluzionaria delle sue Parole, intrise di amore e di speranza per il futuro, decisero di seguirlo, diventando così suoi discepoli, fidandosi  dell’invito di quel Maestro che li chiamava a divenire "pescatore di uomini". Giovanni, nel suo Vangelo, ci ricorda come Andrea precedentemente fosse già stato discepolo di Giovanni il Battista, il quale più volte spinse Andrea a seguire Gesù,il vero Salvatore,colui che avrebbe riportato la pace in Israele e la salvezza all’umanità intera. Andrea, insieme al fratello, lasciarono i loro affetti e le loro occupazioni per seguire quell’uomo che, in cuor loro, già riconoscevano come il Messia. Da un’attenta lettura dei quattro  Vangeli canonici Andrea risulta essere tra i discepoli più vicini al Maestro, colui il quale si trova in compagnia di Gesù, insieme a Giovanni e a Giacomo, in tutti gli episodi più importanti e delicati della vita terrena del Salvatore. Dopo la Resurrezione di Cristo e la sua ascesa al Cielo, il Santo pescatore, forte della presenza dello Spirito di Dio  che ormai inondava il suo cuore, cominciò la sua opera evangelizzatrice in Asia Minore e lungo il Mar Nero, fino a giungere nel freddo territorio dell’attuale Russia. Secondo la tradizione  egli fu il fondatore della sede episcopale di Bisanzio (Costantinopoli), la quale diocesi successivamente si svilupperà nel Patriarcato di Costantinopoli. Fonti non ufficiali affermano che Andrea sia morto martire a Patrasso, nella regione dell’Acaia, crocifisso su una croce decussata (a forma cioè di X), per volere dello stesso Santo che non voleva in nessun modo emulare il suo Maestro nel martirio. La devozione verso il Santo pescatore si diffuse rapidamente in ogni angolo della Terra, allora conosciuta, fino a giungere anche nella nostra bella città ; Gallipoli, da sempre piccolo borgo di pescatori, non poteva non amare sin da subito questo apostolo del Signore, che aveva lasciato ogni cosa per servire il Cristo, fino a donare la sua stessa vita per testimoniare al mondo intero la Parola del Vangelo, portatrice di salvezza. I pescatori gallipolini, da sempre, hanno amato e considerato quasi come un fratello il Santo dei pescatori, a lui si sono sempre rivolti durante le tempeste in mare o durante i periodi di magra del pescato, per chiedere aiuto e conforto, tanto da costruire e dedicargli una piccola Cappella sull’Isola di Sant’Andrea, che porta ancora oggi il suo nome. Inoltre è doveroso ricordare come la Confraternita di Santa Maria degli Angeli, antica corporazione che raggruppava proprio i pescatori, abbia sempre curato il culto verso il nostro Santo: e ancora oggi la Confraternita cura con grande fede  le celebrazioni liturgiche in onore di Sant’Andrea che culminano la vigilia della sua festività liturgica con la processione per le vie del Centro storico della piccola statua del Santo,accompagnata dal dolce suono della Pastorale gallipolina , e con la solenne celebrazione nel giorno della sua memoria liturgica, che ricorre il 30 di Novembre. Come da antica tradizione, infine, le famiglie gallipoline amano ricordare Andrea anche a tavola, riunendosi con parenti e amici la sera della sua Festa, degustando un’ottima frittura di pesce accompagnandolo con un buon bicchiere di vino.

a cura di Cosimo Spinola

Domenica 17 Novembre 2013 21:00

Penne INcontro

Scritto da Francky

PENNEinCONTRO 22 NOVEMBRE SPAZIOARTE ARMONAUTI 
Alezio ore 20,00 
Sul palcoscenico i giovani attori del terzo e secondo anno della scuola di Teatro della Compagnia Armonauti daranno vita ad un fatto di cronaca tradotto in chiave drammaturgica da Danny H. Cortese, per la regia diSalvatore Coluccia. I giornalisti avranno 20 minuti per ricavarne un articolo che sarà sottoposto al vaglio di una giuria popolare e di una giuria di tecnici, al fine dell'assegnazione del trofeo "penneINcontro". Il tutto, accompagnato dall'intrattenimento musicale di Viviana Casalino e Cristian Pagano, si concluderà con un lieto momento conviviale offerto dalla sig. Martina Romano di "Vinolea"
official supporter CRISTALVETRI Gallipoli

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 6 di 11