Contenuto Principale

Sognare in Salento

Sognare in Salento nasce dalla volontà di promuovere il salento e di f...

  • Sognare in Salento

Errore
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items

labbiggiata1  labbiggiata2

" E' passato un anno da quando Mino non c'è più, e in questi 365 giorni i suoi amici, " fratelli" non hanno fatto altro che pensare a lui e a un modo per ricordarlo degno della sua persona umile e buona. E' così che prende vita il "1° Memorial Mino Casalino" fortemente voluto dall'Associazione Artistico Culturale "Off Limits" (presidente Stefano Nazaro) e organizzato con la preziosa e indispensabile collaborazione della Città di Gallipoli. Nobili iniziative caratterizzano il programma che si apre il 27 Aprile per concludersi l'8 Maggio.

Il 29 Aprile, serata fulcro di tutto il programma sarà rappresentata dalla stessa associazione, dopo 38 anni dalla sua prima messa in scena l'opera drammatica "Labbiggiata" di Uccio Piro. Così scrive Sarino Spada nella sua prefazione all'opera, "Un'opera scritta in sole 7 notti nel lontano 1972", in una forma di dialetto gallipolino ancora in uso nella prima metà del secolo scorso e spazia da un colorito linguaggio, che richiama il verismo di Verga alla pura lirica, dando ad ogni personaggio un suo appropriato e accurato parlare dell'epoca.

"Labbiggiata" è un dramma corale con personalità collettiva che conferisce un senso alle azioni dei suoi personaggi in un contesto tematico e prevalente il cui nesso logico è dato dal paese che ancora, nostalgicamente, vive nel ricordo di un prosperoso e fiorente passato e non sa trovare il punto di rottura per il superamento di quell'atmosfera fatalistica che avvolge uomini e cose, come il forte vento di libbeccio che da secoli, arrivando impetuoso e improvviso, percuote le brune scogliere dell'antica città travolgendo il "suo brulicare di popolani, con i loro problemi, i loro vizi, nonchè le antagonistiche situazioni politiche" e lascia dietro di se scompiglio e incolmabili tragedie che, partendo da quella personale, si estendono nel più vasto contesto sociale del paese. Si può, dopo " labbiggiata" superare il passato senza lasciare tracce? oppure ci ritroveremo come al sartriano gioco degli specchi con l'immutabile tragedia dell'esistenza?

G. Albahari nel 1979 scrisse "...l'opera più volte rappresentata ha goduto di fama a livello nazionale ed è presente nella mente e nel cuore dei gallipolini (sono frequenti le richieste di replica della trasposizione teatrale); ottimamente delineati i personaggi, "colorito" e reale il linguaggio, assolutamente originale la trama; frequenti i momenti poetici tra cui ...si eleva alle vette della lirica più pura e pregnante la " preghiera alle madonne di gallipoli"

L'opera labbiggiata si avvale di un commento musicale originale per pianoforte appositamente composto dal M° Prof. Bruno Giordano nel 1975 e suonate ora dal vivo dalla Sig.ra Paola Piro figlia dell'autore dell'opera.

Rappresentazioni teatrali:
  • 29/06/1975 teatro T. Schipa gallipoli a cura del gruppo teatrale del "Circolo culturale giovanile di gallipoli " con la regia dell'autore inserite nelle manifestazioni del "Festival di Casa Nostra "  (oggi premio barocco);
  • 22/07/1975 a grande richiesta replica al Teatro Italia 
  • 2/10/1976 Teatro italia regia dell'autore a cura del gruppo teatrale "Circolo culturale giovanile di gallipoli" in occasione della consegna del premio " Cinema e Teatro all'attore Riccardo Cucciolla che, presente alla rappresentazione rilascia dedica autografa.
  • 17/03/1987 teatro Italia  a grande richiesta (vedi gazzetta del Mezzogiorno del 17/03/1987) a cura della comunità del canneto  con una esmplare regia di gruppo.
  • 16/08/1999 Piazza Duomo gallipoli a cura del gruppo teatrale dell'associazione Artistico culturale "Sandro Cortese" con la regia della Prof.ssa Laura Magliola.
L'Associazione "Off Limits" è una piccola realtà di giovani ragazzi gallipolini che opera sul territorio da qualche anno, curando e organizzando eventi nei vari periodi dell'anno in particolare il periodo natalizio con il presepe artistico vivente presso il chiostro della chiesa di san Francesco d'assisi e il carnevale con la maschera tipica del titoru.
Arriva oggi con l'organizzazione del "1° memorial Mino casalino" a presentarsi al grande pubblico.
Pubblicato in Eventi