Contenuto Principale

Sognare in Salento

Sognare in Salento nasce dalla volontà di promuovere il salento e di f...

  • Sognare in Salento

Errore
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
FIDAS Gallipoli
fidasgallipoliIl SANGUE umano è un fluido viscoso di origine naturale, indispensabile alla vita e soprattutto non riproducibile artificialmente. L'impossibilità di ottenerlo tramite procedimenti chimici e il suo larghissimo impiego terapeutico rendono il sangue sempre insufficiente. Non c'è istituzione o singolo che, da solo, possa far fronte a questa perenne emergenza che può essere superata solo con la consapevolezza e la solidarietà di tutti i cittadini. La maggior parte di noi può donare il sangue e la maggior parte di noi, almeno una volta nella vita, potrebbe averne bisogno.

Galleria

Dove siamo

FIDAS GALLIPOLI - Via Mazzini, 27 - 73014 - Gallipoli (Le)

Campagna DONARE il SANGUE

La campagna "DONARE il SANGUE" vuole insistere ancora una volta non solo sulla necessità di avere a disposizione più "oro rosso" possibile, ma anche spiegare quanto donare il sangue sia un atto di sensibilità e di consapevolezza che ci farà sentire fieri di noi stessi.

Donare sangue periodicamente garantisce a noi, donatori potenziali, un controllo costante del nostro stato di salute, attraverso visite sanitarie e accurati esami di laboratorio. Abbiamo così la possibilità di conoscere il nostro organismo e di vivere con maggiore tranquillità, sapendo che una buona diagnosi precoce eviterà l'aggravarsi di disturbi latenti.

Il fabbisogno nazionale di sangue intero, secondo le indicazioni dell'Istituto Superiore di Sanità, è calcolato in 2.300.000 unità, mentre quello del plasma è di 850.000 litri. Per raggiungere queste cifre i donatori dovrebbero essere almeno 1.300.000. Ma siamo ancora molto lontani da questa cifra. Per coprire il fabbisogno è necessario ricorrere all'importazione di plasma e di emoderivati che non sempre sono ottenuti da donatori volontari periodici. Soprattutto nel periodo estivo si avverte un calo di donazioni, mentre il bisogno di sangue aumenta, anche per il maggior flusso di turisti e per il fabbisogno di servizi come, ad esempio, l'alta chirurgia e i trapianti.

Calendario Donazioni

Le donazioni si effettuano presso il
Centro Trasfusionale dell'Ospedale di Gallipoli
dalle 8:30 alle 11:30
Gennaio: 06 e 24
Febbraio: 21
Marzo: 13
Aprile: 03
Maggio: 01 - 29
Giugno: 12 - 16
Luglio: 17 - 31
Agosto: 21
Settembre: 11
Ottobre: 02 - 30
Novembre: 13 - 27
Dicembre: 11

Informazioni

CONSIGLIO DIRETTIVO

Presidente
Francesco RIPA

Vice Presidente

Monica SOLIDORO

Roberto PERRONE

Segretario

Nicola RIPA

Tesorieri

Nicola PIRO

Consiglieri

Piero FIORINI - Luigi TRICARICO - Marcello PEDACI - Luigi PACELLA

Consiglio probiviri

G. BUCCARELLA, R. MISCIALI, E. CHIANELLA

Supplente

M. AIELLO

Consiglio dei revisori dei conti

M.R. CASALINO, G.CAPRARO, L.MISCIALI

STORICO delle DONAZIONI

Anno Totale Donazioni Anno Totale Donazioni Anno Totale Donazioni
2001 786 2011 1800
2002 838 2012 1501
2003 836 2013 1305
2004 953 2014 1147
1995 573 2005 1055 2015
1996 516 2006 1175
1997 419 2007 1349
1998 520 2008 1700
1999 652 2009 1791
2000 761 2010 1823


Altro

FIDAS "Federazione Italiana Associazione Donatori di Sangue" 

La Fidas é n’associazione ca ave fattu sulu bene allu paese nosciu e nù ‘nc’è palore cu se ringraziene sti cristiani cu lu core t’oru.

Quiddha ca osci se chiama “Associazione Donatori Volontari Sangue” te Caddhipuli, associata F.I.D.A.S., nasciu 39 anni ‘rretu. Tandu sciene ‘ngiru cu n’ambulanza e na barrella. Tuttu se fice crazzie allu tuttore Dante Provenzano, ca ciujedhi se pote rescurdare mai, e a crandi cristiani comu lu Gianni Chetta, li fratelli Zingarelli e lu Mariu Carmelu Vincenzo. A ‘ddh’ebbuca ‘nc’era tantu basognu te sangu; ficuratebbe n’associatu ca fatiava alla Germania, lu P. Pumpeu, ca era fattu te picca la maggiore età, sippe pè talefunu ca mammasa ‘bbia basognu te sangu parcè ‘nd’erene fare n’oparazzione. Senza la penza toi fiate pijau lu trenu e se ‘ndè turnau a casa cu pozza jutare mammasa. Te tandu ogni fiata ca ‘nc’è basognu ete lu primu ca se tae te fare. Tanti te quiddhi ca pè primi se scrissara all’Associazione ‘ncora moi tane lu sangu, tanti addhi ‘mbece s’ane fatti crandi e nù put’essere ‘cchiui, ma sulu pè stu motivu!

Alli primi te l’anni ’80, topu te lu tuttore Dante Provenzano, vinne la dottoressa Enrica Secchi. L’associati ‘nzignara cu cuntene ammienzu alla gente te la ‘mpurtanza te la dunazione e ca nù sulu l’ommini la putiene fare, ma puru le femmene. A principiu faccincunu nù critia poi sempre ‘cchiù cristiani scira all’assoziazione. Li scritti erene pronti giurnu e notte cu fuscene allu spitale ogni fiata ca ‘nc’era basognu, puru quandu li chiamavene pè casi privati. Nu crande crazie vae ‘ncora moi alla dottoressa Secchi, all’addhi tuttori, alli parametici e a tutti l’operatori te lu centru trasfusionale te lu spitale “Sacru Core te Gesù” te Caddhipuli, sempre all’erta pè ogni basognu. Topu la dottoressa Secchi pijau lu postu l’Antoniu Crisogianni.

Lu 25 e lu 28 marzu te lu 1983 ‘nci foe la prima manifestazione pubbrica te l’Associazione. Se festeggiau lu gemellaggiu tra li dunatori te la pruvincia te Vicenza e quiddhi te la pruvincia te Lecce. ‘Rrivara nienzitemenu ca 750 vicentini cu nu trenu speciale. Alla manifestazione ‘nc’era lu Presitente Naziunale e vinti sindaci te li cumuni te la pruvincia; nu cruppu te staffettisti te Vicenza fuscìu pè tuttu lu Salentu e purtau alle Vescuvu te Caddhipuli nu ‘rracalu te lu Vescuvu te Vicenza a memoria te la festa. Mijara te caddhipulini ficiara l’onori a sta gente ca vania te luntanu e alli marciatori, li vagnuni te le scole ‘ssira cu li mesci e tutti schiattiriscievene li mani cuntenti pè sta crande festa ca mai, prima te tandu, s’era fatta na cosa te cusì. Lu giurnu topu ‘ncì fora 430 dunazioni te sangu. Tandu, intra l’Associazione se faciene tante cose; se furmau puru nu cruppu tiatrale ca fice toi cummetie mai fatte prima e se partecipau puru allu carniale caddhipulinu.

Alla fine te l’anni ’80 l’Associazione noscia foe fra le prime, a tutta l’Italia, cu portene intra le scole l’itea te la dunazione. Le prime scole ca partecipara fora lu Nauticu, lu Scientificu e lu Prufessiunale te Caddhipuli. Te cusì li vagnuni ca sciene alla scola capira la ‘mpurtanza te la dunazione te lu sangu. ‘Rrivau puru lu Presitente nou, lu Marcellu Maggiu, e cu iddhu se organizzara sempre cose nove, comu la “Festa te l’Aquilone” e la “Biciclettata”. Mancava ‘ncora la sede pè le dunazioni te sangu ca te recula, menmtru tandu, se faciene susu la chiazza Tellini, intra “all’autoemoteca” te lu spitale te Caddhipuli, addhu ‘nc’erene toi barrelle. Se ‘nzignau puru cu se cullabbura cu li clebbi sportivi te lu paese, quiddhu te la Juve, te lu Caddhipuli, te lu Milan e de l’Inter. Foe tandu ca muriu te leucemia furminante lu giovanissimu sciocatore te la Juve, l’Andrea Fortunato; te ‘ddhu giurnu ‘ncora osci, ogni annu, l’Associazione ‘ndè tetica alla memoria sua na sciurnata pè la dunazione te lu sangu.

A principiu te l’anni ’90 lu Presitente era l’Angelu Fontanarosa. Le dunazioni te sangu se radduppiara. ‘Ncì foe na forte cullabborazione, ca se face onore ‘ncora osci, cu la Chiesia te San Gerardu Majella, tandu era parrucu Don Gigi De Rosa. La dunazione se facia la tumenaca te le Parme, e la samana teticata alli festeggiamenti a onore te San Gerardu Majella. Lu 1998 ‘ddevantau Presitente lu Francescu Ripa. Se fice la sede nova alla via Mazzini addhu finarmente se putira fare puru le duanzioni te sangu, ca prima se facine sulamente sull’autoemoteca. Se cuntinuau la cullabborazione cu addhe scole superiori te lu territoriu. Foe organizzata na gara fra li vagnuni te le classi ‘cchiù erte te le scole superiori. Allu primu ‘ndè tesara na urza te stutiu te toi mijuni te lire. Allu secondu nu mijone e allu terzu menzu mijone. Lu tema te la gara era “La Donazione del Sangue nel suo contesto sociale e normativo”.

Allu 2000 ‘rrivau lu Vinticinquesimu Anniversariu. Foe fatta na bellissima manifestazione sulla rutunda te lu Litu te S. Giuvanni. Crande foe lu jutu te la famija Ravenna. Lu tirettivu tecise ca cu ‘ddhi sordi s’erene te ‘ccattare le pultrone elettriche anatomiche pè la dunazione te sangu e cu se mintene intra le cambere te l’Associazione.. Allu 2002 foe fatta la “Befana te lu Donatore”, na bella festa cu se scangene l’aucuri e li ‘rracali te Natale, intra allu salone te la chiesia te Santu Lazzuru. Allu 30° Anniversariu, era la ‘Bbifania te lu 2005, foe ‘rrecalatu allu repartu te pediatria te lu spitale te Caddhipuli na machina pè lu “screening acusticu” pè li piccinni ‘mpena nati. Foe lu primariu te lu repartu, lu tuttore Giovanni Pepe, ca la pijau a cunsegna; alla cerimonia ‘nc’erene tutti li tuttori te lu repartu, li dunatori e lu Sinducu Venneri. Trorà ca foe pè casu ma propriu d’annu se ‘rrivau a mille dunaziuni. Anzi, ticimula tutta: fora millecinquantacinque, pè nù essere pinnai.

L’Associazione, allu 2006 ‘nzignau cu cullabbura puru cu lu cumitatu te la festa te S. Cristina e cu la Cumunità te lu Cannitu. Foe fatta na bellissima serata te canti e balli caddhipulini susu la chiazza te lu Sacru Core e foe pubbricatu susu lu calandariu “Cantu te Caddhuzzu” lu marchiu te l’Associazione e tanti muttetti cu cunvorgene alla dunazione te sangu sempre ‘cchiù gente.

Allu 2007, paru cu le scole Elementari te lu 2° Polu te chiazza Carducci, se fice la manifestazione “Donare è Amare” cu li lavuretti fatti te li vagnuni a tema cu la dunazione. Sempre intra st’annu , allu 32° anniversariu, è statu ‘mbitatu, pè lu “Sestu Emoradunu”, nu cruppu te appassiunati te Motu Guzzi, canusciuti comu li “Falchi Lanari”, vanuti pè la prima ota quassotta allu Salentu. Topu la dunazione sfilara pè tuttu lu paese cu li motori e tutti putira ‘mmirare ‘ddhe motu t’ebbuca. Lu 2007 se chiutiu cu 1394 dunazioni. Quistu a purtatu l’Associazione allu primu postu fra tutte quiddhe te la pruvincia te Lecce, propriu pè lu crande numuru te dunazioni fatte. Sempre a st’annu s’ave organizzata la prima dunazione cu la Chiesia te Sant’Acata e cu le cunfraternite te Caddhipuli vecchiu. Comu premiu pè l’attività fatta intra tuttu l’annu, l’Associazione “Citta Nuova” te Caddhipuli ‘nd’ave tatu lu Premiu “Citta Nuova”. Lu 2008 ave vistu na crande cullaburazione, pè lu terzu annu te secutu, cu li Carbunieri te la Cumpagnia te caddhipuli e lu sempre ‘cchiù vivu jutu te le scole tecniche. Pè la prima ota partecipau puru l’Associazione Cummercianti te lu centru storicu e te Caddhipuli nou. La cullaburazione, ormai te toi anni ‘cquai, cu la Chiesia te Sant’Antoni te Patuva, cu quiddha te la Chiesia te San Carbieli, te la ‘Ndulurata e la dunazione fatta cu la Chiesia te Santu Lazzuru è stata tantu ‘mpurtante quantu cradita.

Nu picchi te storia

La prima ota ca se fice na dunazione te sangu foe allu 1819, pè “trasfusione diretta, braccio a braccio”, cu na cannula speciale. Sta cuntamu te na trasfusione ta sangu umanu, e si parcè prima te tandu panzara puru cu fazzene la stessa cosa però cu lu sangu te l’annimali, comu l’aunieddhu o la pecura. ‘Nci panzau l’ostetricu Jame Blundell ca, propriu quandu sta parturia na cristiana cu nu travaju mutu tifficile, fice la trasfusione parcè sta muria pè na emorraggia “post partum”. Lu tuttore Davies, ca lu jutava, ‘ndè tese lu sangu. Topu te iddhu foe dunatu sangu te toi ommini, ca stavene a bona salute, pè d’emorraggia topu lu partu. La trasfusione foe fatta cu mezzi scarsi e ‘mpruvvisati ma furtunatamente valiti. Te cusì se sciu ‘nnanti mentru a quandu nu ‘cchiara e sperimetara lu sistema te l’anticoagulanti, certe soluzioni ca parmattira cu se cunserava lu sieru.

Allu 1901 lu scienziatu viennese Karl Landsteiner cuntau pè la prima fiata te li risurtati ca ‘bbiu cu certi esperimenti addhu se capiu ca ‘nc’erene tre cruppi te origgine: A,B,C.

Foe allu 1903 ca n’addhu viennese, lu Alfred De Castello, e lu triestinu Adriano Sturli acchene lu quartu cruppu chiamatu AB. Allu 1929 lu Cumitatu te Iggiene te la Lega te le Nazziuni tae la tefinitiva lista te lu sistema te li cruppi A-B-AB-0. Te tandu fora chiari puru tutti li prubblemi te cumpatibilità fra lu dunatore e cinca lu pija lu sangu e finarmente se putira fare tante trasfusioni cu mute ‘cchiù pussibbilità cu vane a bonu fine.

A Londra, allu 1930, se custituiu pè la prima ota la “Banca te lu Sangu” ca secutava nu nou cuncettu ca lu sangu dunatu putia essere lassatu intra alla banca pè 4-5 giurni, intra alle celle fricurifere a - 4/6°C, crazie all’anticoagulante, citratu te sodiu, ca stava intra alli flacconi.

Osci na sacca te sangu pote ‘rrumanire intra lu depositu pè na quarantina te giurni.

L’annu 2008 ‘ndè vite cu lu rinnou te lu il Cunsiju Tirettivu, vene cunfermatu a Presitente te l’Associazione lu Francescu Ripa e comu Vicepresitente R. Perrone, M. Solidoro; Secretariu: N.Ripa; Tesorieri: N.Piro; Cunsijeri: P. Fiorini, L. Tricarico, M. Pedaci, L. Pacella; Cunsiju Probiviri: G. Buccarella, R. Misciali, E. Chianella; Supplente: M. Aiello; Cunsiju te li revisori te li cunti: M. R. Casalino, G. Capraro, L. Misciali.

Allu dunatore:

Crazzie a te, cinca sinti sinti… A tutti ui Crazzie!Crazzie puru te vanda te cinca mai bè l’ave tittu. Crazzie.

Francesco Ripa

Contatti

phone +39.0833.26.17.21 (tel. e fax)

phone +39.340.74.53.030

mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon