Contenuto Principale

Sognare in Salento

Sognare in Salento nasce dalla volontà di promuovere il salento e di f...

  • Sognare in Salento

Errore
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items
Cinema Teatro Italia Sala 2 - Split
Teatro Italia - Sala 2

Risultati immagini per locandina film SplitAnche se Kevin (James McAvoy) ha mostrato ben 23 personalità alla sua psichiatra di fiducia, la dottoressa Fletcher (Betty Buckley), ne rimane ancora una nascosta, in attesa di materializzarsi e dominare tutte le altre. Dopo aver rapito tre ragazze adolescenti guidate da Casey (Anya Taylor-Joy, The Witch), ragazza molto attenta ed ostinata, nasce una guerra per la sopravvivenza, sia nella mente di Kevin – tra tutte le personalità che convivono in lui – che intorno a lui, mentre le barriere delle le sue varie personalità cominciano ad andare in frantumi.



Tariffe                                                                                                     

da giovedì 2 a mercoledì 

Spettacolo*

Ora

Intero**

Ridotto**

18:15

€ 7,00 € 5,00

20:30

€ 7,00

€ 5,00

22:30 € 7,00 € 5,00
anche 16:15 
* Le tariffe relative al 1° Spettacolo sono valide dal lunedì al venerdì escluso i festivi e anteprime
** Tutti i mercoledì (escluso festivi e anteprime): intero € 5,00
I film in 3d hanno una maggiorazione di € 1,00

Extra                                                                                                        _____
Critica e Recensioni                                                                               _______

Casey (Anya Taylor-Joy), Clare e Marcia, all'uscita da una festa, vengono rapite da un misterioso inviduo (James McAvoy). La loro situazione è peggiore del previsto: l'uomo soffre di disturbo di personalità multipla, anzi è un caso da manuale, studiato dalla dottoressa Fletcher (Betty Buckley), perché dentro di lui convivono oltre venti personalità differenti. Sarà possibile salvarsi facendo appello ad almeno una di esse?

Dopo lo humor nerissimo low budget dell'horror The VisitM. Night Shyamalanaggiunge con Split un altro tassello alla sua resurrezione presso pubblico e critica, ancora una volta spalleggiato dalla filosofia pauperistica del producer Jason Blum: una troupe di quasi esordienti a basso costo serve l'autore di Il sesto senso e Unbreakable, sostenuto dall'unico elemento che possa ricordare un passato presso le major, cioè un attore mainstream come McAvoy.

Un McAvoy straordinario, peraltro, pronto ad accogliere la delirante sfida di un personaggio che fa sembrare Norman Bates una persona equilibrata. Come accade di consueto in un lungometraggio dell'autore, non tutto però risponde alle regole strette del genere: i confronti quasi materni tra l'uomo e la psichiatra non seguono l' (efficace) angoscia paranoica da thriller del resto del film, ma fanno venire a galla un'umanità tragicamente tenera che nei lavori di Shyamalan in realtà è sempre esistita. E che l'essenzialità di questa messa in scena sottolinea ancora meglio. Tramite le parole della dottoressa, Shyamalan sposa la tesi secondo cui la condizione mentale del protagonista sia in realtà un potenziale privilegio, l'occasione per andare oltre le nostre singole esistenze. Si tratta di un privilegio però mai scevro di violenza, rabbia e sofferenza, in cui il mondo intero sembra essere immerso: per questo Shyamalan non riesce mai davvero a condannare il suo "mostro". Anzi.

Shyamalan non ha paura di rischiare e farsi male, alla faccia dei Razzie Awardsche lo hanno tartassato fino a pochi anni fa. Sa creare un'atmosfera con pochi tocchi, incuriosisce sempre e non vuole mai essere prevedibile. L'apice lo raggiunge con il suo consueto colpo di scena finale, che ovviamente non potremmo mai commettere il delitto di svelare. Possiamo però prendere la questione molto alla lontana, dicendo che le capacità manipolatorie di Shyamalan denotano un'intelligenza rara, che prima o poi anche i suoi detrattori dovranno ammettere: essere "ingannati" da lui è di rado un'umiliazione, quanto più spesso uno stimolo, un segno di una concreta volontà di condividere il proprio entusiasmo per le potenzialità narrative e formali del mezzo. Con una libertà che una major non approverebbe mai.

Appuntamento al Cinema con:                                                                          __

Previous Succ.
  • 1
  • 2
Cinema Teatro Italia Sala 1 - L'ora legale Cinema Teatro Italia Sala 1 - L'ora legale In un paese della Sicilia, Pietrammare, puntuale come l'ora legale, arriva il momento delle elezioni per la scelta del nuovo sindaco. Da ann... Read more
Cinema Teatro Italia Sala 2 - Split Cinema Teatro Italia Sala 2 - Split Anche se Kevin (James McAvoy) ha mostrato ben 23 personalità alla sua psichiatra di fiducia, la dottoressa Fletcher (Betty Buckley), ne rima... Read more
Cinema Teatro Italia Sala 3 - Smetto quando voglio 2 Cinema Teatro Italia Sala 3 - Smetto quando voglio 2 La banda dei ricercatori di Smetto quando voglio è tornata. Anzi, non è mai andata via. Se per sopravvivere Pietro Zinni e i suoi colleghi a... Read more
Cinema Teatro Schipa - Doraemon Cinema Teatro Schipa - Doraemon SABATO 4 e DOMENICA 5 - 16:30 - Nobita e i suoi amici, stanchi del mondo odierno, decidono di partire per una nuova avventura viag... Read more
Cinema Teatro Schipa - Ho amici in paradiso Cinema Teatro Schipa - Ho amici in paradiso Felice Castriota è un commercialista salentino, impulsivo e un po' superficiale. Il desiderio di arricchirsi e una certa avventatezza lo han... Read more
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon